19 maggio SCIOPERO

era ora!
Le modalità dello sciopero, nel rispetto della normativa vigente, saranno così articolate:
1. medici di medicina generale del settore di assistenza primaria: chiusura di tutti gli studi in data 19 maggio 2015. Dalle ore 8,00 alle ore 20,00.
I medici garantiranno, quali prestazioni indispensabili, come previsto dal comma 3 dell’art. 31 ACN vigente:
visite domiciliari urgenti
visite in assistenza programmata a pazienti terminali
prestazioni di assistenza domiciliare integrata (ADI)
nonché le ulteriori prestazioni definite nell’ambito degli Accordi regionali

2. medici di continuità assistenziale: astensione dal lavoro dalle ore 20.00 alle ore 24.00 del giorno 19 maggio 2015.
Saranno garantite le prestazioni indispensabili secondo quanto previsto dal comma 4 dell’art. 31 ACN vigente.

L’azione di protesta è rivolta alla Conferenza delle Regioni per la mancata attuazione della legge n. 189 del 2012 che prevede al comma 6, articolo 1, l’obbligo per le Regioni di pervenire alla stipula degli Accordi Collettivi Nazionali per la medicina generale entro 6 mesi.La Conferenza delle regioni o il suo autoreferenziale succedaneo, la Sisac, si assumano la responsabilità di spiegare ai cittadini le ragioni di tale comportamento dilatorio e delle sue conseguenze rispetto alla necessità di sviluppo delle cure territoriali secondo le esigenze del paese e non secondo i desiderata ideologici di un enclave funzionariale.