Carenza MMG

In risposta ai sindacati i funzionari regionali iniziano a dare i numeri per giustificare quella che appare essere quantomeno una mancata programmazione.

http://www.piacenzasera.it/2018/03/medici-famiglia-pensione-regione-nessun-allarme-radoppio-delle-borse-studio/243386/

http://www.ilpiacenza.it/politica/medici-di-famiglia-la-regione-nessun-allarme-ma-ora-vogliamo-il-raddoppio-delle-borse-di-studio.html

In realtà in provincia di Piacenza sono andati deserti la maggioranza dei posti messi a concorso a dicembre  e ne verranno messi a bando altri 24 ad aprile.La nostra asl ci mette del suo inserendo obblighi o non previsti da nessun accordo come nel caso della cds di S.Nicolò o di difficile comprensione come nel caso dell’apertura bisettimanale di ambulatori  in frazioni come Pittolo,Quarto e Settima.

Da notare che i medici piacentini che frequentano il triennio di formazione si contano sulle dita di una mano.

Ci aspetta un futuro con MMG provenienti da fuori provincia (sempre ammesso di reperirli). Ulteriore lento sgretolamento di uno dei pilastri della medicina generale da sempre legata al territorio.

http://www.ilpiacenza.it/politica/essere-medici-generici-e-svantaggioso-servono-piu-risorse-e-borse-di-studio.html

Medicina generale. . Fimmg si conferma il primo sindacato con il 63,28% di rappresentatività e un totale di 24.750.
In seconda posizione si conferma lo Snami 7.255 deleghe e il 18,55% di rappresentatività. Sul terzo gradino del podio lo Smi con 4.511 deleghe e l’11,53% di rappresentatività. In quarta piazza, e ultimo a superare la soglia del 5%, si trova Intesa Sindacale (Cisl medici, FpCgil medici, Simet, Sumai) al 5,68% con 2.222 deleghe.

Art. 17, comma 2, lettera f) dell’ACN
attualmente in vigore, relativo all’incompatibilità del MMG, dice che
questi è incompatibile con lo svolgimento delle attività di Medicina
Generale qualora “fruisca di trattamento di quiescenza relativo ad
attività convenzionate e dipendenti del SSN, fatta esclusione per i
medici già titolari di convenzione per la medicina generale all?atto
del pensionamento”.
Pertanto tale articolo consente al medico di MG pensionato (e solo a
lui, non ad altri medici pensionati, sempre
incompatibili) di sostituire un medico di MG in attività, ma solo se
la sostituzione non si prolunga oltre i 30 giorni.
Non solo: qualora la sostituzione non si prolunghi oltre i 3 giorni,
il medico che si fa sostituire non è neanche tenuto a comunicarlo
all’ASL, sulla base dell’Art. 37, comma 1.
Ovviamente per le sostituzioni superiori al 30° giorno tutto questo
non è possibile, in quanto nel caso specifico a pagare il sostituto
dovrebbe essere direttamente l’ASL e l’ASL non può pagare