case o gruppi?

Ogni tanto i politicanti tornano alla carica :il termine ‘case della salute’è sempre di moda .Ammettono però che dietro la sigla vi è il vuoto normativo dove vorrebbero infilare il’sociale’ (ma con quali risorse?) ed in fin dei conti anche le medicine di gruppo non sarebbero poi male.Nel frattempo l’ASL ha tolto tutti gli incentivi per la nascita di nuove medicine di gruppo,forse sperano che con la nuova convenzione arrivi anche l’obbligo dell’associazionismo. Sarebbe utile che i colleghi singoli iniziassero ad organizzarsi ed almeno a pensare a possibili gruppi prima di essere costretti a farlo.

 

Screenshot_2016-03-31-07-03-30