I LEA in pratica

Rispetto al “Decreto appropriatezza” (Lorenzin), formalmente abrogato proprio dal DPCM “Nuovi Lea” lo scenario è completamente cambiato.Le “condizioni di erogabilità” sono precisi vincoli prescrittivi che VIETANO al medico di attuare una prescrizione.Sono state limitate a pochissime situazioni, quali i test genetici, la densitometria ossea, alcune prestazioni  di medicina nucleare.Hanno, di fatto, lo stesso significato delle note AIFA.
Le “indicazioni di appropriatezza” , invece, sono uno strumento per il medico prescrittore che consente di identificare le situazioni nelle quali le evidenze scientifiche rendono  raccomandabile l’esecuzione di un accertamento.La recente legge sulla responsabilità del medico fa espresso riferimento alle linee guida
anche in tema di responsabilità penale: i due ambiti sono solo apparentemente diversi

Per la DENSITOMETRIA OSSEA CON TECNICA DI ASSORBIMENTO A RAGGI X Lombare, femorale, ultradistale o total body, valgono sempre le condizioni di erogabilità previste dell’allegato 2 DPCM 2005  (http://wp.me/a4Tka1-4t)

Non sono soggette a limitazioni le RM di addome, torace ed encefalo.

Condizioni di erogabilità 

RMN: colonna in toto senza contrasto e colonna in toto con contrasto (stadiazione oncologica in ambito pediatrico), RM fetale e RM spettroscopia (indicazioni specifiche)

N. 33 test: coltura per Campylobacter, salmonella e shigella, ricerca diretta di Clamydie, tossina dfterica e tetanica, anticorpi anti tripanosoma, antigene e ed anticorpi anti-HbeAg, DNA e tipizzazione genomica di HPV, IgG e IgN anti-parvovirus B19, test inibizione IgE specifiche, IgE specifiche ed esame per orticaria fisica, 11 desossicortisolo, ac. 5-idrossindolacetico e delta-aminolevulinico, ala deidrasi eritrocitaria, androstendiolo glucuronide, bilirubina diretta, calprotectina fecale, cistinina C, colesterolo LDL diretto, cobalto, cromogranina A, decarbossiprotrombina, HCG frazione libera, dosaggio farmaci con cromatografia a altre tecniche, liquido seminale test di vitalità, mioglobina e screening di sostanze d’abuso