In tema di ECM

In questi giorni sono apparse notizie relative al fatto che per i ‘medici competenti’ (non MMG !) sarebbero state chieste attestazioni relative al conseguimento dei crediti ECM previsti dallo stato per tutti i professionisti.
La situazione pare alquanto ingarbugliata.
La “posizione” ECM dei singoli professionisti è riportata sul sito Cogeaps, il consorzio che gestisce l’anagrafica delle professioni sanitarie e al quale i provider sono obbligati trasmettere i dati dei crediti erogati. C’è un’area apposita di registrazione.
http://www.cogeaps.it/Cogeaps/preparePage.do;jsessionid=6F7729E8B395B73EBE218F7939EFDF9C

Molte regioni provider sono inadempienti nella trasmissione, quindi spesso
mancano i crediti ottenuti attraverso questi provider, in particolare molti
corsi organizzati dalle asl.
La certificazione e attestazione di assolvimento del debito sarebbe a carico
degli ordini ma ancora non è a regime l’attività di attestazione/certificazione dei crediti

Alla luce di tutto ciò consigliamo di archiviare gli attestati cartacei dei crediti ECM (quelli di frequenza sono inutili)
ricordiamo che i crediti da ottenere son 150 nel triennio (50 circa all’anno ) e di questi quelli sponsorizzati da aziende private non possono superare il 20%