Interpretazioni strane

Speriamo che, come successo con Bianchi in passato, il giornale locale abbia male interpretato le parole dei direttori generali dell’asl.Strano,visto che l’asl ha un apposito ufficio stampa.
Stavolta pare che il  nostro attuale d.g. abbia espresso giudizi poco lusinghieri sull’attività delle medicine di gruppo ‘In troppi al pronto soccorso medicine di gruppo inefficaci’

ricordiamo che
la nascita delle medicine di gruppo nel 2007,  ai tempi del direttore amministrativo Luca Baldino, era strutturata su una serie di attività volte a soddisfare le esigenze dei pazienti rendendo più capillare l’attività con l’aiuto di figure infermieristiche e di segreteria. Il giudizio non può basarsi quindi  con la valutazione del numero di accessi al pronto soccorso che poco c’entravano con l’attività ora svolta nelle sedi delle medicine di gruppo.Già in passato la Fimmg ha più volte  chiesto di ridiscutere gli accordi ma nessuna risposta è giunta dall’azienda che, forse affascinata dalle parole ‘casa della salute’,ha fino ad ora fatto investimenti con  risultati dubbi
Ci permettiamo poi di riportare i dati forniti dalla regione sul portale saluter
http://salute.regione.emilia-romagna.it/siseps/sanita/prim/analisi-statistica/reportistica-predefinita-nuclei-cure-primarie
da cui risulta come l’accesso ai pronto soccorsi dell’asl di piacenza sia al di sotto della media regionale ed in linea con quello delle province dove sono state avviate le famose ‘case della salute’