MMG e vaccinazioni

Nell’articolo del giornale locale si rileva come una certa percentuale di vaccinandi rifiuti di sottoporsi all’iniezione. Forse ,finalmente, al direttore generale  potrebbe sorgere qualche dubbio sulla poco lungimiratnte  scelta di non coinvolgere massicciamente i MMG nella gestione della campagna vaccinale. Il medico di fiducia avrebbe certamente maggiore influenza sulle scelte dei pazienti.

https://www.liberta.it/news/cronaca/2021/04/22/paura-del-vaccino-ausl-timori-ingiustificati-ma-molti-anziani-rifiutano/

https://www.repubblica.it/cronaca/2021/04/15/news/i_trucchi_per_potere_avere_pfizer_la_nuova_frontiera_dei_furbetti-296641285/

In calce potete leggere quanto la sezione Fimmg di ReggioEmilia ha inviato ai colleghi e alle autorità aziendali. Non possiamo ovviamente non essere d’accordo soprattutto confrontandoci con quanto avviene nella nostra azienda.Da giorni si parla di avviare una campagna vaccinale per i pazienti domiciliari intrasportabili ma, nonostante l’approvazione espressa nel comitato del 4 aprile e le assicurazioni di rapido inizio, fino ad ora il possibile accordo non è stato avviato. Da tempo la nostra azienda tende ad evitare di dare risposte concrete alle richieste sindacali :un muro di gomma. Nel comitato di ottobre 2020 presentammo diverse richieste a cui non ha trovato il tempo di rispondere in modo definitivo nemmeno in sei mesi. 

Oggetto : richiesta spiegazioni e revisione urgente modalità operative
campagna vaccinale anti covid nella provincia di Reggio Emilia

Buongiorno.

L’ ACN, all’ art. 45 comma 2 lett n e p , comma 4 lett c ed
all’allegato D lett A comma 10 nomenclatore e lett B comma 14 ,
prevede l’obbligo per i MMG dell’adesione alle campagne vaccinali
anche facoltative.

Le vaccinazioni sono normalmente effettuate dal Servizio Igiene e
Sanità pubblica e dai MMG.

Nelle campagne vaccinali anti influenzali, i MMG effettuano da sempre
almeno l’80% delle vaccinazioni.

La catena del freddo a temperature non gestibili dai MMG per i vaccini
Pfizer e Moderna termina nel deposito Ausl e, dopo scongelamento da
parte Ausl, questi vaccini possono essere prelevati dai MMG con borsa
termica contenente panetti di ghiaccio e poi possono essere normalmente
conservati nei frigo dei MMG fra + 2° ed 8° per 5 giorni nel caso di
Pfizer e per 30 giorni nel caso di Moderna.

Solo dopo il prelievo della prima dose dal flacone multidose , il tempo
a disposizione è di sei ore.

Pertanto, non aveva alcun senso aprire Hub e Centri aggregati
distrettuali con medici vaccinatori che per lo più non hanno mai
vaccinato e non conoscono nulla direttamente delle condizioni dei
vaccinandi, salvo quanto gli stessi dichiarano, ma andavano coinvolti da
subito nelle vaccinazioni i MMG-MCA e Medici in formazione , con
adeguato supporto amministrativo ed infermieristico Ausl, anche nelle
varie sedi vaccinali Ausl.

Ovunque si è appurato che i tempi di vaccinazione in questi Centri in
Italia sono mediamente superiori del doppio rispetto a quello dei MMG.

FIMMG Reggio Emilia, non senza vivo stupore da parte dei MMG reggiani,
moltissimi dei quali si sentono presi in giro da Ausl di Reggio Emilia e
Regione Emilia Romagna, ha appreso, anche sabato scorso durante il
Consiglio nazionale FIMMG, che nel Lazio i vaccini Pfizer e Moderna
sono consegnati ad ogni MMG nel quantitativo di 1-2 flaconi multidose
alla settimana, così come avviene in Campania, in Sicilia Toscana,
Veneto, Puglia e molte altre parti d’Italia, e senza la necessità di
alcun corso obbligatorio preliminare ISS FAD per medico vaccinatore,
ritendendolo comprensibile , come abbiamo sempre sostenuto, solo per
medici di altre branche desueti circa le vaccinazioni, ma non nel caso
dei MMG, medici laureati, abilitati e vaccinatori per compito ACN.

) Il MMG che vuole vaccinare assistiti appartenente alla propria
lista, nelle altre Regioni lo può fare somministrando direttamente le
dosi ritirate di vaccino, compreso Pfizer e Moderna , sia nel proprio
studio che a domicilio senza l’infermiera oppure presso una sede AUSL
distrettuale.

La lista dei Pazienti fragili da vaccinare, viene decisa dal MMG di
quelle regioni sulla base dei criteri ministeriali.

Considerato che attualmente , violando norme e leggi ( FIMMG Reggio
Emilia ha scritto in proposito al Presidente della FNOMCeo di
intervenire nelle sedi opportune), visto che sia la raccolta del
consenso che la vaccinazione sono atti medici, si pensa di far
vaccinare, come se i MMG non esistessero, persino i farmacisti, che non
sono abilitati alla professione medica e benchè meno sanno trattare un
shock anafilattico, senza parlare dei biologi, dei tecnici di
laboratorio, delle ostetriche e degli infermieri in autonomia, FIMMG
Reggio Emilia chiede all’Ausl di Reggio Emilia per quali motivi veri i
MMG siano stati esclusi il più possibile da parte della Regione Emilia
Romagna ed Ausl Reggio Emilia, diversamente dalle altre Regioni, dal
poter vaccinare i propri assistiti , pretendendo anche che, per
vaccinare negli Hub e nei Centri aggregati distrettuali Ausl , i MMG
avessero la certificazione di aver seguito con successo un corso Iss FAD
per medico vaccinatore.

Con questa missiva FIMMG Reggio Emilia chiede pertanto all’Ausl di
Reggio Emilia di cessare immediatamente dal continuare a discriminare i
MMG che non abbiano fatto il Corso ISS Fad per poter vaccinare anche
nelle sedi aziendali e, considerata anche la scarsità di Astra Zeneca ,
che presto, sarà ritirato ovunque, come già avvenuto in Danimarca,
ritiene necessario che l’Ausl di Reggio Emilia coinvolga
principalmente i MMG nella vaccinazione anche mediante Pfizer e Moderna,
vista la loro conoscenza longitudinale degli assistiti e la loro
distribuzione capillare sul territorio, fornendo loro tutti i supporti
necessari, anche in termini di personale amministrativo ed
infermieristico.

Si chiede pertanto di rivedere concordemente ed urgentemente
l’organizzazione e le modalità della campagna vaccinale anti covid 19
nella provincia di Reggio Emilia, prevedendo la partecipazione primaria
dei MMG-MCA e Medici in formazione ex ACN, secondo anche le proposte
già presentate da FIMMG Reggio Emilia per la vaccinazione di massa,
che, a seconda della idoneità o meno degli studi MMG per la
vaccinazione anticovid in relazione alle norme di sicurezza per la
situazione pandemica, potrebbe avvenire sia direttamente nei loro
studi, sia in sedi di prossimità non Ausl, sia a domicilio ma anche
nell’Hub e nei Centri aggregati distrettuali Ausl.

Grato di recepimento ed accoglienza , porgo cordiali saluti

Dott. Euro Grassi

Seg. Gen. prov. FIMMG RE