Proposta cronicità asl

Pubblichiamo la proposta inviata  dall’ASL che ha messo come termine perentorio la data del 20 luglio :prendere o lasciare. Ne discuteremo in una direzione allargata a tutti gli iscritti  .Si tratta di decidere se vincolarci per i prossimi 3 anni a regole ed emolumenti non trattabili (a meno di interventi nazionali o regionali) o andare alla rottura con tutte le conseguenze che ciò comporta .Ma a’ la guerre comme à la guerre .Abbiamo iniziato a trattare a gennaio (tutti i passaggi sono stati pubblicati sul sito )con la presentazione della proposta aziendale cui abbiamo risposto con le nostre controproposte  ,poi una lunga pausa fino a maggio con la riproposta aziendale .Ora la proposta ultimativa che prende finalmente atto del fatto che le mdg non possono offrire servizi  ai non componenti , presenta qualche miglioramento economico (100) e contiene elementi interessanti (pdta NAO) ma non da possibilità di contrattazione.Le sperimentazioni hanno dimostrato che il pdta  può funzionare nelle mdg ma non è detto che possa essere applicato sic et simpliciter ai MMG singoli ,anzi. Il D.G. ci ha definito sul quotidiano locale ‘preziosi alleati’.Da alleati (non da avversari) facciamo appello a lui e a quanti dei 7 funzionari assisi al tavolo trattante vogliano dimostrarsi ragionevoli affinchè il testo presentato possa essere emendato e venga prorogato il termine.Evitiamo di seguire il noto felino domestico al momento del parto.

Accordo incentivante anni 2018 – 2020 – Cronicità e Medicina d’iniziativa

L’azienda e le OOSS, condiviso il documento sulla cronicità, i suoi principi ed obiettivi, ne definiscono con il presente accordo le modalità di realizzazione.

L’accordo, che ha valenza triennale dal 2018 al 2020, sostituisce gli accordi in essere (progetto diabete, progetto TAO, accordi incentivanti con le MdG), comprese le sperimentazioni (Medicina di gruppo “S. Rocco”, “Via Veneto 92”, “Medicina di gruppo – studi medici associati di Monticelli d’Ongina e Castelvetro P.no” e Casa della Salute di Podenzano).

L’accordo prevede, con riferimento al Piano Nazionale Cronicità, la presa in carico progressiva secondo le modalità previste da ogni singolo PDTA, una volta validato, e le specifiche schede semplificate, relativamente ai pazienti affetti da:

  • diabete mellito (già validato);

  • pazienti in terapia anticoagulante orale (TAO già validato e progetto NAO da validare);

  • BPCO (PDTA da validare entro il 31/12/2017);

  • scompenso cardiaco (PDTA da validare entro il 30/06/2018);

  • deterioramento cognitivo;(da validare)

  • insufficienza renale cronica; (da validare)

  • pazienti che necessitano di cure palliative; (da validare)

  • pazienti ricompresi nel progetto “Leggieri”. (da validare)

La presa in carico dei pazienti cronici sarà graduale a partire dal PDTA Diabete Mellito e a seguire da tutte le altre cronicità sopracitate una volta che il relativo PDTA sia stato validato dai tavoli tecnici di cui fanno parte i MMG referenti aziendali

I medici si impegnano a partecipare e garantiscono la partecipazione del personale di supporto ai percorsi di Formazione organizzati dall’Azienda su temi inerenti ai PDTA. Tali percorsi potranno avere accreditamento ECM garantito dalla UO Formazione dell’Azienda

La struttura del compenso fa riferimento a due tipi di attività:

  • una definibile come clinico – professionale (es. prescrizione esami di laboratorio, di indagini strumentali, visite, etc) sviluppata dai MMG in autonomia o con il supporto degli specialisti aziendali e che riguarda sia il MMG singolo che il MMG di gruppo

  • una definibile come gestionale che riguarda l’organizzazione e la gestione delle attività di medicina di iniziativa e quindi di chiamata dei pazienti, verifica delle prestazioni effettuate, organizzazione dei percorsi, etc. che può essere attuata direttamente dall’Azienda tramite il personale della Casa della Salute oppure dalla Medicina di gruppo che mette a disposizione la struttura, il personale infermieristico e amministrativo di supporto.

Da ciò derivano due tipi di retribuzione:

  • una riferibile al raggiungimento degli obiettivi clinico – professionali pari a euro 70

  • una riferibile all’attività gestionale se effettuata dalle Medicina di Gruppo pari a euro 30

Le modalità di contratto sono di due tipi:

  • con la Medicina di gruppo in cui sono previste entrambe le quote

  • con il singolo MMG per cui è prevista la quota dell’attività clinico – professionale in quanto il singolo può avvalersi per l’attività gestionale dell’organizzazione della Casa della salute di riferimento.

Nell’eventualità in cui per difficoltà tecniche in una prima fase l’azienda non riesca a garantire il supporto gestionale ai MMG non associati in medicina di gruppo agli stessi verrà riconosciuta anche la quota gestionale fermo restando il raggiungimento degli obiettivi di cui ai paragrafi successivi.

Relativamente al raggiungimento degli obiettivi delle attività gestionali e relativo compenso, si definisce quanto segue:

  • Il raggiungimento degli obiettivi dell’attività gestionali è dimostrato con la restituzione all’ASL degli elenchi di pazienti validati dal MMG (prevalenza) e con l’adesione al percorso attraverso la firma del consenso informato (ingaggio / arruolamento).

  • L’elenco validato dei pazienti, l’elenco dei consensi informati costituiscono la base di tutti i conteggi. Tale attività dà origine a riconoscimento della quota regionale incentivante sulla cronicità. La quota relativa alla componente gestionale viene riconosciuta per tutti i pazienti arruolati (dimostrata dalla registrazione del consenso) purché gli obiettivi clinico professionali raggiunti siano superiori a quelli dell’anno precedente di ciascun MMG secondo le dinamiche di seguito riportate.

  • Il mancato raggiungimento degli obiettivi gestionali dà comunque diritto al 50% della quota (15 euro) per i primi due anni. In questo caso il pagamento della quota gestionale delle MdG è vincolata alla dimostrazione formale dell’incremento del costo del personale e dell’aumento dell’attività oraria dei dipendenti.

Relativamente al raggiungimento degli obiettivi clinico professionali e relativo compenso, si definisce quanto segue:

  • Gli obiettivi clinico professionali sono definiti individualmente per ogni MMG.

  • Sono definiti obiettivi per ognuno degli indicatori contenuti nel PDTA per i quali si andrà a misurare la percentuale di utenti aderenti.

  • Gli obiettivi sono definiti a partire dalla singola performance 2016 ( per ricomprendere anche la mobilità passiva) e sono incrementati secondo la seguente dinamica: incremento minimo di 10 punti percentuali fino al 70% e incremento minimo di 5 punti percentuali fino al 90% di ogni singolo indicatore (es: performance 2016 50%, obiettivo 2018 60%, Obiettivo 2019 70%, obiettivo 2020 75%) .

  • Il raggiungimento degli obiettivi clinico professionali verrà misurato in proporzione al numero degli obiettivi raggiunti in rapporto agli obiettivi dati (es: 8 obiettivi raggiunti su 10 obiettivi data – corresponsione dell’80% dell’incentivo previsto).

  • Nel caso venga arruolato (firma consenso informato) una quota pari o superiore all’80% dei pazienti arruolabili, gli emolumenti verranno erogati al 100% degli arruolabili, secondo la proporzione degli obiettivi raggiunti (arruolati 80 pazienti su 100, obiettivi clinico – professionali raggiunti: 80%, pagamenti pari a 70 euro x 80% x 100 pazienti).

  • Viceversa se l’arruolamento fosse inferiore al 40% dei pazienti in elenco, il compenso sarà calcolato sul 50% dei pazienti presi in carico ovvero gli emolumenti saranno ridotti del 50% (es: arruolati 30 pazienti su 100, obiettivi clinico professionali raggiunti: 80%, pagamento pari a 70 euro x 80% x 15 pazienti).

  • Nel caso venga arruolato (firma consenso informato) una quota compresa fra il 40% e l’80% dei pazienti arruolabili, gli emolumenti verranno erogati in proporzione agli utenti degli arruolabili, secondo la proporzione degli obiettivi raggiunti (arruolati 60 pazienti su 100, obiettivi clinico – professionali raggiunti: 80%, pagamenti pari a 70 euro x 80% x 60 pazienti).

  • Solo per quanto riguarda il percorso TAO verrà riconosciuta la quota di euro 100 (complessiva sia per clinico professionale che gestionale) per ogni assistito preso in carico dal MMG, sia singolo che associato, secondo le modalità e gli indicatori dell’accordo siglato nel 2015 e ancora in essere nel 2017.

  • La certificazione di raggiungimento degli obiettivi clinico/professionali che danno origine al pagamento della quota specifica è effettuata dall’azienda con la sola eccezione dei parametri di esito in cui in una fase iniziale, in attesa della ridefinizione dei sistemi informativi aziendali, è a carico del MMG in forma autocertificativa. La ASL si riserva la possibilità di verifiche anche a campione fino a che non saranno disponibili sistemi aziendali informatici di estrazione del dato.

I casi eventuali di contestazione addebitati ai MMG saranno valutati dal comitato Aziendale.

L’Azienda si impegna:

  • a fornire e ad aggiornare sistematicamente gli elenchi dei pazienti eleggibili ai percorsi, rilevandoli dai flussi amministrativi dell’Azienda medesima;

  • a informatizzare il flusso di dati tra MMG e Azienda;

  • a fornire i vaccini per la popolazione dei pazienti arruolati;

  • a completare la dotazione strumentale a disposizione della singola medicina di gruppo necessaria alle rilevazioni cliniche e a garantire presso le singole MdG gli specialisti necessari ai singoli PDTA, mentre provvederà a richiamare entro la fine del 2017 presso gli ambulatori aziendali gli specialisti non previsti nei PDTA e a supportare il medico singolo presso le Case della Salute o presso le sedi individuate dall’Azienda

  • a mettere a disposizione dei componenti le Medicine di Gruppo un percorso privilegiato sia per le visite specialistiche, da effettuarsi presso le sedi stesse, sia per la modalità della tele-trasmissione e per il singolo medico gli stessi percorsi presso le Case della Salute o presso le sedi individuate dall’Azienda;

  • a realizzare percorsi formativi per i medici di MG e per il personale di supporto

E’ facoltà dell’azienda e dei singoli MMG/MdG addivenire a specifici accordi che prevedano l’erogazione diretta di una o più prestazioni previste dai PDTA. In tal caso le prestazioni saranno retribuite a tariffa PP.I.P. nei limiti quantitativi pervisti dal PDTA.

Le vaccinazioni effettuate ai pazienti arruolati, verranno comunque conteggiate e remunerate secondo gli accordi regionali vigenti (quota PP.I.P.).

Si prorogano per l’anno 2017 gli accordi economici previsti per la presenza degli specialisti nelle singole medicine di gruppo e gli accordi relativi alla sperimentazione della Casa della Salute di Podenzano.

A partire dal 2018 alle MdG che non occupano locali in strutture aziendali viene riconosciuto il contributo di euro 10 per assistito cronico arruolato.

Sono oggetto di accordi separati con le singole medicine di gruppo le funzioni erogate per l’Azienda (CUP, centro prelievi, ecc..).

Allegati:

  1. percorso diabete

  2. indicatori diabete

Pc, lì …………………… 2017

Il Direttore Generale

Ing.Luca Baldino firmato ______________________________

Le Organizzazioni Sindacali

 

dei Medici di Medicina Generale

della Provincia di Piacenza

FIMMG firmato ______________________________

SNAMI firmato ______________________________

SIMET firmato ______________________________

SMI firmato ______________________________