Revocato lo sciopero

Il Governo e il Comitato di settore si impegnano a vigilare, indipendentemente dal testo dell’atto di indirizzo, che le trattative per il rinnovo dell’ACN confermino e rispettino il profilo giuridico libero professionale dei medici convenzionati, con esplicita esclusione di condizioni di subordinazione;

La regione Emilia in particolare dovrà rivedere l’atteggiamento ostile fino ad ora tenuto (Anche domenica sul corriere Bologna hanno rinnovato l’accusa di costare più degli ospedalieri).Non riuscirà ad imporci ‘case della salute’ alle dipendenze di figure infermieristiche.Le forme aggregative della medicina generale devono essere organizzate e gestite dai MMG. Non possono trattarci da dipendenti e mantenere il profilo di liberi professionisti !

–          Agli stessi viene garantito il mantenimento dell’autonomia organizzativa;

–          Il Governo e il Comitato di Settore si sono impegnati a rispettare i contenuti economici dei medici e gli attuali livelli retributivi ed alla ricerca di meccanismi che sviluppino la capacità del lavoro di equipe nel rispetto del rapporto fiduciario.

Il Governo altresì si impegna a un tavolo fra le istituzioni (governo e regioni) e le Organizzazioni sindacali per innovare, migliorandoli,  strumenti e procedure per le relazioni sindacali dell’area convenzionale.

A fronte di tutto ciò abbiamo ritenuto, insieme alle altre organizzazioni sindacali, di revocare lo sciopero del 19 maggio. Restano in atto tutte le altre iniziative informative della popolazione predisposte per il corrente mese, nello spirito di coerenza con i temi che abbiamo sviluppato con i cittadini che questo accordo vuole tutelare.

finalmente anche la stampa nazionale ne parla

http://www.corriere.it/salute/15_maggio_18/medici-famiglia-revocato-sciopero-previsto-il-19-maggio-8139ccbe-fda3-11e4-b490-15c8b7164398.shtml

http://www.repubblica.it/salute/medicina/2015/05/18/news/sciopero_dei_medici_di_famiglia_garantito_il_118_e_le_guardie_mediche-114669737/

Difficile non far rilevare come anche in questa occasione l’altro sindacato abbia solo sparato parole al vento pur di avere un minimo di visibilità con inventate accuse di connivenza (vedi lex Balducci)