Tutte le notizie

Prima che arrivi da ‘Gestione’

7 gennaio ore 19 :pubblichiamo  la scheda allegata al comunicato della regione da leggere e rileggere per riuscire a capirne qualcosa

Ai mmg rimarrebbe il compito di segnalazione per i positivi fai da te ( fino al 16 gennaio )e i sintomatici

…se poi redigessero anche i certificati malattia potremmo rimetterci a fare i medici !

SCHEDA ALLEGATA / Test antigenici rapidi in farmacia

Possono recarsi presso le farmacie convenzionate per eseguire il test antigenico rapido nasale unicamente le persone senza sintomi di COVID-19 che rientrino nelle seguenti casistiche:

A. Ambito di screening

  • In caso di esito negativo non si applica alcuna restrizione.

  • In caso di esito positivo l’AUSL apre il caso con la presa in carico da parte del Dipartimenti di Sanità Pubblica tramite verifiche rispetto allo stato vaccinale e di salute ai fini dell’applicazione delle misure di prevenzione della diffusione del contagio e di chiusura del caso di cui al successivo punto B.

La farmacia potrà già prenotare un appuntamento per l’esecuzione del test di chiusura di cui al successivo punto C, interpellando il cittadino rispetto alla situazione vaccinale utile a valutare se l’isolamento sarà di 7 giorni (dose booster o ciclo vaccinale primario eseguito da meno di 120 giorni) o di 10 giorni (negli altri casi); detto test potrà essere eseguito in farmacia unicamente se la persona non avrà manifestato sintomi o non manifesta sintomi da almeno tre giorni; in caso contrario l’appuntamento dovrà essere disdetto.

B. Persona asintomatica, in quarantena, che abbia avuto un contatto stretto con un caso di COVID-19, per:

  1. chiusura dei 10 giorni di quarantena nelle persone non vaccinate o che non hanno completato il ciclo vaccinale primario o hanno completato il ciclo vaccinale primario da meno di 14 giorni (tampone a carico SSR).

A seguito della registrazione dell’esito negativo del test sul Portale Farmacie, è rilasciato al cittadino – in modalità automatica, entro 24 ore – il dispositivo aziendale (referto) di chiusura del caso con conseguente riattivazione del Green pass.

Qualora l’esito del test di cui sopra sia risultato positivo la farmacia potrà già provvedere a prendere appuntamento per l’esecuzione del test di chiusura di cui al successivo punto C; detto test potrà essere eseguito unicamente se la persona non avrà manifestato sintomi o non manifesta sintomi da almeno tre giorni; in caso contrario l’appuntamento dovrà essere disdetto.

Si precisa che per le persone asintomatiche che hanno eseguito la dose booster o hanno completato il ciclo vaccinale primario o sono guarite da COVID-19, in entrambi questi ultimi casi da meno di 4 mesi, non è prevista l’esecuzione del tampone al termine del periodo di 5 giorni di auto-sorveglianza.

Si precisa che:

  • i cittadini sintomatici dovranno contattare il proprio MMG e non potranno recarsi in farmacia durante la presenza dei sintomi per eseguire tamponi; in tal caso i tamponi – qualora necessari – saranno eseguiti presso le AUSL;

  • la persona sintomatica dopo un contatto stretto potrà eseguire il test in farmacia unicamente dopo 3 giorni di assenza di sintomi;

  • in caso di positività rilevata con un self-test antigenico rapido nasale dal privato cittadino occorre rivolgersi al proprio medico curante per valutare la presenza di sintomi e la conseguente procedura di conferma del caso da attivare.

 

C. Persona asintomatica che sia risultata positiva al test, di cui al precedente punto B, per:

  • chiusura dopo 10 giorni di isolamento;

  • chiusura dopo 7 giorni di isolamento qualora la persona sia stata vaccinata con dose booster o abbia completato il ciclo vaccinale primario o sia guarite da COVID-19, in entrambi questi ultimi casi da meno di 4 mesi.

Tampone a carico del SSR.

D. Studenti delle scuole secondarie di primo e secondo grado nella cui classe si sia verificato un caso COVID, su richiesta del MMG o PLS per:

  • primo test nel momento in cui viene rilevata la presenza di un positivo

  • secondo test a cinque giorni dal primo.

Tampone a carico struttura commissariale.

 da lunedì 10 gennaio in Emilia-Romagna le persone senza sintomi Covid 19 possono recarsi nelle farmacie convenzionate per eseguire il test antigenico rapido nasale. Lo potranno fare purché rientranti nei seguenti casi: per effettuare uno screening di controllo oppure, se asintomatiche e in quarantena per aver avuto un contatto stretto con un caso di Covid, per chiudere il periodo di quarantena stessa (entro 24 ore riceveranno in modalità automatica dall’azienda sanitaria il referto di chiusura del caso e riattivazione del Green pass). Nel caso poi per queste persone il test risulti positivo, potranno effettuare il test antigenico rapido nasale sempre in farmacia dopo 10 giorni per la chiusura del periodo di isolamento o dopo 7 giorni nel caso si tratti di persona vaccinata con terza dose (booster), che abbia completato il ciclo primario o sia guarita dal Covid, sempre da meno di 4 mesi.

I tamponi eseguiti per chiusura quarantena o isolamento sono a carico del Servizio sanitario.

Per le persone che abbiano eseguito da sole il test antigenico rapido nasale a domicilio, in caso di esito positivo ci sarà la possibilità di registrare su un apposito portale della Regione – attivo dal 17 gennaio – i risultati dell’autotest, avviando immediatamente il periodo di isolamento.

In questo caso, potrà essere utilizzato solo uno dei test rapidi validi in farmacia. Inoltre, le persone che potranno ricorrere a questa opportunità dovranno rientrare nelle seguenti casistiche: avere già ricevuto la seconda dose vaccinale, indipendentemente dalla data della somministrazione; avere attivato il Fascicolo sanitario elettronico (FSE) o, nel caso di minori, essere associati al FSE del genitore.

Il caricamento dell’esito avverrà attraverso l’inserimento della foto con il risultato del test, la scelta del test usato dall’elenco di quelli validi, notizie sul comportamento da tenere in caso di comparsa di sintomi, quelle sul tipo di certificato che verrà inviato sul FSE da parte dei Dipartimenti di sanità pubblica.

esenzioni vaccini over 50

le esenzioni: «L’obbligo di cui al comma 1 non sussiste in caso di accertato pericolo per la salute, in relazione a specifiche condizioni cliniche documentate, attestate dal medico di medicina generale dell’assistito o dal medico vaccinatore, nel rispetto delle circolari del Ministero della salute in materia di esenzione dalla vaccinazione anti SARS-CoV-2; in tali casi la vaccinazione può essere omessa o differita».

prepariamoci…..