accordo regionale 1800 +5%

Firmato tutti gli accordi che ci eravamo prefissati, compresa la Carenza

Daniele Morini, medico di famiglia di Faenza, Segretario Generale Regionale FIMMG

Come sindacato maggioritario dei medici di famiglia siamo riusciti efficacemente a raggiungere intese straordinarie e con finalità emergenziali con la Regione Emilia Romagna, in uno scenario fortemente condizionato dalla carenza di risorse umane disponibili messe alle corde dalla lotta al COVID-19, moltiplicatore esponenziale del fabbisogno assistenziale già sovradimensionato dall'invecchiamento della popolazione e della relativa presa in carico. Abbiamo lavorato per "intese" che dessero le prime soluzioni per i prossimi anni e che non pensassero solo a mettere piccoli rattoppi. Avremo quindi maggiori strumenti per poterci organizzare per le vaccinazioni anti Covid, per la gestione dei pazienti Covid sul territorio. Dovremo fare seri sacrifici e assistere in alcuni casi un numero più elevato di pazienti, ma potremo riorganizzare i nostri ambulatori con personale infermieristico e amministrativo, e potremo contare sul contributo essenziale di giovani medici che stanno completando la formazione specifica in medicina generale.

Abbiamo trovato in questa amministrazione regionale una dirigenza capace di superare con noi gli ostacoli di una contrattazione che rischiava di essere ancorata ad una visione a corto raggio, una dirigenza che ha finalmente condiviso con noi l'idea che il futuro del sistema sanitario regionale e nazionale si gioca sul terrirorio, e i medici di medicina generale saranno i maggiori protagonisti, dopo anni di gestione sanitaria ospedalocentrica. Questi accordi vogliamo augurarci che aprano una ampia collaborazione fra i medici e la Regione, e rappresentino il primo passo per la riorganizzazione di una medicina di famiglia moderna e al passo coi tempi.

La pandemia ha dimostrato la centralità dei medici di famiglia. Medici di famiglia che hanno seguito il 98% dei pazienti Covid, a fronte delle tante critiche ingiuste di assenza spesso ricevute. Forse perché nessuno ha spiegato che tutti i sistemi che organizzano una risposta sanitaria al decuplicarsi della domanda, come avviene nelle maxiemergenze epidemiologiche, non può essere efficiente nè è possibile efficientarlo in corso d'opera.

La strada è lunga, ma forse abbiamo posto le basi per un cambiamento concreto per la popolazione e per la categoria.





Accordo carenza e Cfsmg: sintesi:

-i corsisti Cfsmg prendono convenzione a 1000 primo anno, 1200 dal secondo obbligatorio e 1500 solo volontario

-per MMG massimale portato a 1800 (+5%) ma solo nei casi locali in cui ci sia la reale necessità e il medico abbia le condizioni, cioè medicina di gruppo, personale ecc.

-la autolimitazioni possono esser mantenute, vanno solo confermate dal medico (punto difficile, perché volevano toglierle tutte d’ufficio ma siamo riusciti a bloccare)

-8 euro a paziente oltre i 1500 simile a quota di ingresso

-incentivi per il personale aumentati del 75% circa calcolati su tutti gli assistiti: 7 euro per l’infermiera (prima erano 4) e 5,78 per la segretaria (prima erano 3.50)

-possibilità di modulare orario infermiere e segretaria a favore di maggiore presenza infermieristica

-per la ex guardia medica previsto ulteriore accordo dettagliato che spieghi ruolo unico entro 31.10.22

-deburocratizzazione della mg con apposito documento formale con impegno ad applicarla della regione e ausl



Accordo Ex Usca: sintesi:

-vengono tolti al controllo dei distretti e ricondotti alla medicina generale come medici a ruolo unico a quota oraria con turni diurni

-attivati dai medici di famiglia e dalla CA

-paga 40 euro ora (23.39 base + 16.61 di incentivi riconosciuti)

-possibilità per questi medici di fare ore in zone carenti di AP dove non hanno trovato neppure l’incaricato a tariffa da concordare a livello locale (con raccomandazione di non inferiore a 60 euro/ora per 4 ore di ambulatorio)



Accordo Vaccini Covid : sintesi:

-13.20 euro a vaccino Covid per la campagna autunnale

-riduzione della burocrazia per consenso a anamnesi

-vaccinazioni a domicilio 25/30 +7.50 a vaccino

-la pre intesa diventa accordo se c’è adesione formale del 65% dei MMG

-nelle associazioni chi vuole può vaccinare i Pz dei colleghi che non vaccinino




https://www.ilmiogiornale.net/emergenza-sanitaria-accordo-tra-regione-emilia-romagna-e-medici-di-famiglia/

Pubblicata il: 17/07/2022
© F.I.M.M.G. di Piacenza
Via M. Gioia, 20b - 29121 Piacenza
Tel.: 0523.388911 - 0523.323848 – Fax: 0523.324979
E-mail: info@fimmg.pc.it

Cod. Fisc.: 91000690338
Partner:
powered by Infonet Srl Piacenza
- A +